il cotto

    cotto chiaro cotto giallo cotto lombardo
         
    cotto siciliano cotto toscano cotto umbro

caratteristiche 

Il cotto nasce dalla lavorazione dell'argilla che viene estratta dalle cave, a cui viene poi data forma e dimensione e cotta in fornaci ad alta temperatura.

L'argilla estratta ed utilizzata presenta al suo interno minerali come quarzo, calcite, clorite . La colorazione del cotto dipende sia dalla quantita' di questi minerali , sia dalla temperatura di cottura raggiunta all’interno della fornace. Un’argilla più ricca in clorite da come risultato cotti più rossi e meno porosi, mentre un’argilla più ricca in calcare forma cotti più chiari e porosi.

Oltre che dipendere dalla composizione mineralogica, la colorazione del cotto varia in funzione della temperatura di cottura : i mattoni più cotti prendono il colore più rosso, mentre i mattoni meno cotti assumono colorazioni più chiare, giallo o rosate. E’ noto che la temperatura all’interno della fornace non si distribuisce omogeneamente, ma è maggiore all’esterno della massa di cottura. Quindi, le differenze cromatiche di un pavimento in cotto sono caratteristiche di questo tipo di materiale , e rappresentano un pregio, non un difetto.

E' un materiale resistente al tempo che dona un effetto naturale e rustico negli ambienti in cui viene installato. Grazie alla sua versatilita' puo' essere utilizzato sia per interni che per esterni.

 

Il cotto e' un materiale molto poroso, che tende ad assorbire con facilita' i liquidi. Va pertanto opportunamente trattato ed impermeabilizzato per impedire la penetrazione di sostanze liquide, la cui risalita genera macchie che rovinano la pavimentazione e addirittura puo' provocare funghi e muffe.

 

ripristino cotto